Signore Iddio, Tu che dall'alto
vedi le miserie e le sofferenze umane,
Tu che hai sacrificato Tuo Figlio
per la salvezza dell'Umanità,
Tu che hai fatto l'uomo libero,
libera me dall'egoismo
e concedimi di rendere ai fratelli sofferenti
ciò che Tu mi hai dato.
Fa che una parte di me, dopo
la mia morte, renda felici altri
esseri colpiti da malattie e
bisognosi di trapianti.
Dammi la gioia di donare,
come ha fatto Tuo Figlio in croce,
almeno una parte del mio corpo,
perché possa rendermi utile nel
diffondere l'amore, la speranza,
la pace.


Giorgio Brumat - Bergamo, 12/04/1974